Formazione, concorsi e attività scientifica Archivio

Il mandolino a Napoli nel Settecento

Il mandolino a Napoli nel Settecento

Giornate di Studi

30 novembre – 1 dicembre 2018

 

Napoli, Fondazione Pietà de’ Turchini

Chiesa di Santa Caterina da Siena, Via Santa Caterina da Siena n.38

Le Giornate di Studi "Il Mandolino a Napoli nel Settecento" sono state promosse con l’obiettivo di raccogliere e far dialogare tra loro e con il pubblico i maggiori esperti del mandolino napoletano e della musica napoletana del '700, per riportare alla luce uno strumento e un repertorio importantissimi per la storia culturale e sociale del XVIII secolo, che hanno visto la loro nascita nelle terre campane e che da lì si sono diffusi in tutta Europa. L’evento nasce nell’ambito del progetto di ricerca omonimo, coordinato dall’Università di Bologna, l’Università di Uppsala e l’Accademia Mandolinistica Napoletana, ed è il primo dei tre appuntamenti che verranno realizzati nei prossimi anni, dopo Napoli, a Bologna e a Uppsala.
 
 
Enti promotori

Alma Mater Studiorum-Università di Bologna

Fondazione Pietà de’ Turchini, Napoli

Kungliga Vitterhets Historie och Antikvitets Akademien, Svezia

 

In collaborazione con

Accademia Mandolinistica Napoletana

Conservatorio di Musica “San Pietro a Majella“, Napoli

Conservatorio di Musica “Giuseppe Martucci“, Salerno

 

Comitato Scientifico

Anna Rita Addessi (Università di Bologna), Lars Berglund (Università di Uppsala), Mariafederica Castaldo (Fondazione Pietà de’ Turchini), Paologiovanni Maione (Conservatorio di Napoli), Mauro Squillante (Conservatorio di Salerno)

 

Segreteria Organizzativa: Adelaide Mascolo, Fondazione Pietà de’ Turchini

 

Atti della Giornata di Studi: Casa Editrice Turchini Edizioni

 

Ingresso libero a tutte le sessioni

 

Contatti:

tel: 081402395

e-mail: coordinamento@turchini.it

web: www.turchini.it / www.mandolinonapoli700.com/ricerca


Programma

VENERDI, 30 novembre

 

14:00-14:30

Apertura e saluti istituzionali

Mariafederica Castaldo (Fondazione Pietà de’ Turchini, Napoli)

Paologiovanni Maione (Fondazione Pietà de’ Turchini, Napoli)

Imma Battista (Direttrice del Conservatorio di Salerno)

Marta Columbo (Vicedirettrice del Conservatorio di Napoli)

 

14:30 - 14:45

Il progetto “Il mandolino a Napoli nel ‘700”

Anna Rita Addessi (Università di Bologna)

 

14:45-16:15

Sessione 1 _ Storia del mandolino napoletano I

Coord. Paologiovanni Maione (Conservatorio di Napoli)

  • Paul Sparks (Consortium for Guitar Research, Sidney Sussex College, Cambridge), A Brief History of the C18 Neapolitan mandolin in Europe
  • Lars Berglund (Università di Uppsala), Storia della Collezione Gimo
  • Francesco Nocerino (Presidente NaturalMenteMusica – CIDM), Nuove acquisizioni e indagini intorno al mandolino nel ‘700 a Napoli. Strumenti e documenti.

 

Discussione

           

16:00-16:30 coffee break

 

16:30-18:00

Sessione 2 _ Il contesto storico-sociale: copisti e iconografie

Coord. Anna Maria Rao (Università di Napoli Federico II)

  • Francesca Seller (Conservatorio di Salerno), I copisti a Napoli nel Settecento
  • Lars Berglund (Università di Uppsala), I copisti della collezione Gimo
  • Renato Ruotolo (Accademia di Belle Arti di Napoli), Iconografia sul mandolino a Napoli

 

Discussione

 

18:00-19:30

Sessione 3 _ La Scuola Napoletana, compositori e mandolinisti

Coord. Francesca Seller (Conservatorio di Salerno)

  • Rosa Cafiero (Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano), Mandolinisti «sans maître»:      Pietro Denis tra Fux e Tartini
  • Chiara Lijoi (Università degli Studi di Milano), Musica in pantomima. L'«inconsueta estrosità» di EmanueleBarbella
  • Paologiovanni Maione (Conservatorio di Napoli), Strumenti a plettro e a pizzico tra mercato e formazione

 

Discussione

***

20:00Concerto dell’Ensemble Galanterie a Plettri

Mandolini storici: Mauro Squillante, Anna Rita Addessi, Andrea Benucci, Margriet Greydanus, Davor Kirkljus, Pietro Marchese, Elena Parasacco

Clavicembalo, Raffaele Vrenna

Violoncello storico, Leonardo Massa

Direzione musicale: Mauro Squillante

***

Sabato, 1 dicembre

09:00 – 10:30

Sessione 4 _ Storia del mandolino napoletano II

Coord. Lars Berglund (Università di Uppsala)

            Davide Rebuffa (Conservatorio di Vicenza), Origini e organologia del “Mandolino napoletano di nuova invenzione” nella Napoli borbonica.

            Raffaele Di Mauro (Università di Roma Tor Vergata), Il mandolino nella tradizione orale del ‘700

            Rosa Smurra, Anna Rita Addessi (Università di Bologna), Verso una mappatura delle città del mandolino in Europa nel Settecento.

 

Discussione

 

10:30-10:45: coffee break

 

10:45-11:45

Sessione 5 _ Il repertorio: analisi e interpretazione

Coord. Pasquale Scialò (Conservatorio di Salerno)

  • Cesare Fertonani (Università degli Studi di Milano), Gli strumenti solisti nella musica napoletana del Settecento
  • Anna Rita Addessi (Università di Bologna), Il repertorio GIMO: analisi, funzioni e contesti
  • Mauro Squillante (Conservatorio di Salerno), Sull’interpretazione del repertorio

 

Discussione

 

11:45: Presentazione del sito www.mandolinonapoli700.com, a cura di Massimiliano Essolito (webmaster)

 

12:00-13:15

I manoscritti per mandolino della Collezione Gimo: Edizioni scientifiche, produzioni musicali e masterclass

Coord. Anna Rita Addessi (Università di Bologna)

Interventi di: Lars Berglund (Università di Uppsala), Mauro Squillante (Conservatorio di Salerno), Domenico Antonio D’Alessandro (Conservatorio di Campobasso), Lucio Tufano (Università degli Studi di Palermo), Stefano Valanzuolo (Il Mattino)

 

Presentazione del cofanetto con 2 CD e libretto

I manoscritti per mandolino della collezione Gimo (The manuscripts for mandolin of Gimo Collection)

Interpreti: i Solisti dell’Ensemble Galanterie a Plettri

Etichetta Tactus

 

13:15

Concerto dei Solisti dell’Ensemble Galanterie a Plettri

Mandolini storici: Mauro Squillante, Davor Krkljus

Basso continuo: violoncello storico, Leonardo Massa; clavicembalo, Raffaele Vrenna.

 

Conclusioni e prossimi appuntamenti

Hai bisogni di informazioni in merito a questa attività?

Inserisci nel campo sottostante i dati richiesti.

Cliccando sul tasto richiedi dichiari di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati personale e dai il consenso per le finalità previste.