16 dicembre mercoledì ore 20.30

Chiesa di San Nicola l'Arena, Catania

Emanuele Cardi
Gianfranco Nicoletti

Emanuele Cardi e Gianfranco Nicoletti




Arcangelo Corelli (1653-1713)                                                                               15’

Concerto grosso in sol minore Op. 6 n. 8 (fatto per la notte di Natale)

Appropriato all’organo da Thomas Billington (1754-1832)

Vivace, Grave

Allegro

Adagio, allegro, adagio

Vivace

Allegro

Pastorale

 

Johann Christian Bach (1735-1782)                                                                     10’

Sonata in do Maggiore per due organi

[senza tempo]

Rondò

 

John Stanley (1712-1786)                                                                                       8’

Voluntary Op. 5 n. 8

Allegro

Adagio

Allegro

 

Pedro José Blanco (1750-1811)                                                                             10’

Secondo concerto per due organi

Allegro ma non troppo

 

Luigi Cherubini (1760-1842)                                                                                 8’

Sonata per due organi

[senza tempo]

 


Emanuele Cardi è nato a Napoli nel 1973. Si diploma con il massimo dei voti e la lode in Organo e Composizione Organistica dopo quattro anni di studio con Wijnand van de Pol presso il conservatorio F. Morlacchi di Perugia dove consegue anche il Diploma Accademico di II livello, sempre con il massimo dei voti e la lode. In seguito si diploma in Musica Corale e Direzione di Coro, Pianoforte e Clavicembalo.

Interessato alle problematiche di restauro degli organi antichi e della prassi esecutiva, conduce da diversi anni studi specifici sulla musica e sull'arte organaria napoletana, redigendo in più occasioni articoli per riviste specializzate, partecipando a convegni in qualità di relatore. Svolge opera di consulenza nell’ambito del recupero di organi storici e per la realizzazione di nuovi strumenti.

Svolge inoltre corsi estivi e masterclasses sulla musica organistica rinascimentale e barocca, ed è spesso membro di giuria in concorsi organistici internazionali.

Ospite di alcune tra le istituzioni musicali più prestigiose del mondo, svolge un intensa attività concertistica in Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia Germania, Inghilterra Irlanda, Norvegia, Olanda, Polonia, Rep. Ceca, Svezia, Svizzera, Spagna, Ungheria, Russia, Stati Uniti, Brasile ed Uruguay, suonando alcuni dei più noti strumenti tra cui quelli di St. Thomas a New York, San Francisco (USA), cattedrali di Passau, Friburgo, Fulda, Monaco, Bonn (Germania) Losanna (Svizzera) Londra, Edimburgo, Brussels, Copenaghen, Turku (Finlandia), Lund (Svezia), Oliwa (Polonia) e Mosca. Docente ospite all’Università del Kansas (USA) e del conservatorio di Mosca e di S. Pietroburgo, ha suonato nelle principali istituzioni concertistiche russe tra cui le filarmoniche di S. Pietroburgo, Ufa, Kazan, Ekaterinburg, Perm, Krasnojarsk, Tomsk, Kemerovo, fino a Irkutsk. Ha svolto inoltre numerosi concerti inaugurali, tra cui quello del grande organo della chiesa dei Redentoristi a Belfast e della First Unitarian Church a Worcester (MA) negli Stati Uniti.

Docente di Organo e Composizione Organistica presso il Conservatorio “S. Giacomantonio” di Cosenza, incide regolarmente per le case discografiche “La Bottega Discantica” (Milano), “Priory Records” (Londra) e “Brilliant Classics” (Olanda) la cui recente incisione Neapolitan Organ Music è stata premiata con 5 stelle dalla rivista “Musica”.


Gianfranco Nicoletti

Accostatosi alla musica all’età di cinque anni, ha conseguito brillantemente il diploma di Pianoforte e di Organo e Composizione Organistica presso il Conservatorio “V. Bellini” di Palermo dove ha anche studiato clavicembalo. Ha partecipato a corsi tenuti da A. Heiller, L. Celeghin, A. Sacchetti, H. Vogel, L.F. Tagliavini per l’organo, da B. Zagni, M. Rizzo e G. Mazzucato per la vocalità e la direzione di coro, e da N. Albarosa per il Canto gregoriano.

Oltre ad occuparsi della progettazione di nuovi strumenti, svolge attività nel settore della salvaguardia e valorizzazione degli organi antichi siciliani come ispettore onorario presso la Regione Siciliana e collaborando con organari e con le Soprintendenze siciliane; ha svolto attività di catalogazione con la Soprintendenza di Messina, con il Centro di Studi Musicali per il Meridione, con la Società Meridionale di Studi Musicali e con il Centro Iniziative Musicali Siciliane (CIMS).

Già componente della Commissione per la Musica Sacra della Diocesi di Caltagirone, è organista presso il Santuario di S. Filippo Apostolo in Aidone – EN (organo a trasmissione meccanica G. Zanin, 1992).

Più volte componente di giuria in concorsi, già docente di Organo presso l’Istituto diocesano di musica sacra “A. Leonardi” di Acireale, svolge la sua attività didattica quale titolare di Pratica organistica e Canto Gregoriano presso il Conservatorio “A. Corelli” di Messina del quale dall’a.a. 2010/2011 è Direttore.

Ha pubblicato, insieme ad altri autori, saggi musicologici e sull’attività organaria siciliana e ha partecipato alla realizzazione di CD in qualità di organista e di maestro del coro; ha recentemente registrato per Brilliant Classics (Holland).

Ha più volte collaborato con l’Orchestra Sinfonica Siciliana (EAOSS) e con la Sinopoli Chamber Orchestra con la quale ha partecipato al Sinopoli Festival edizioni 2007 e 2008 per Taormina Arte (esecuzioni registrate live e trasmesse da RadioTre).


Non sai dov'è il concerto?
Calcola il percorso.