20 maggio venerdì ore 21.00

Chiesa di Santa Caterina da Siena

Ivano Leva

Scrittura vs. improvvisazione




Per il ciclo Wunderkammer Music

In collaborazione con Wine&thecity


 Divagazioni “su soggetto” (?) di C.Debussy

(elaborazione e ri-composizione istantanea su spunti tematici

tratti da “La Cathédrale engloutie”, Libro 1 dei Preludi di C.Debussy)

 

Ivano Leva                 pianoforte

 

divagare:  [v.intr., aus. avere]

Allontanarsi dall’argomento trattato.  SIN: scostarsi.  D. dal tema assegnato.

 

1.    Dans une brume doucement sonore

2.    Rintocchi di campane

3.    Peu à peu sortant de la brume

4.    Cattedrale emersa

5.    Maestosità

6.    Il mare inghiotte poco a poco la cattedrale

7.    Giù, negli abissi

8.    Mare placido

9.    Fine


Ivano Leva nasce a Napoli nel 1975. Trascorre l’infanzia e l’adolescenza immerso nelle verdi campagne di Torregaveta, frazione di Bacoli (provincia di Napoli), ove ben presto apprende i primi rudimenti della musica dal padre, pianista amatoriale. In questa stessa fase, attraverso l’ascolto e l’imitazione dei dischi dei più disparati generi musicali (da Chopin e Bach ai Beatles, Jobim e Tenco) inizia ad approcciare la pratica improvvisativa, componente che poi si rivelerà essere il punto centrale nevralgico di tutto il suo percorso musicale negli anni seguenti. Si laurea in Pianoforte presso il Conservatorio L. Perosi di Campobasso, sotto la guida della concertista rumena Alexandra Brucher, e successivamente in Composizione presso il Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli, studiando con Gaetano Panariello. Animato in età adolescenziale da un forte interesse per la musica di matrice afro-americana, studia inoltre pianoforte jazz con Francesco D’Errico e Francesco Nastro e vince due borse di studio per frequentare i Seminari di Siena Jazz con Enrico Pieranunzi e Franco D’Andrea ed i corsi dello IASJI con David Liebman. Come compositore di musica colta, i suoi lavori sono stati premiati ed eseguiti in svariate rassegne, sia nazionali che internazionali, da solisti ed ensembles di fama (fra i quali Cristiano Rossi, Kenji Fujimura, Trio Anima Mundi, Rochelle Ughetti, Melissa Chominsky, Michele Lomuto). Nel 2012 vince il concorso di composizione A. Falconio con una composizione da camera scritta su poesia di E. De Filippo e da egli stesso eseguita nella Sala Scarlatti del Conservatorio San Pietro a Majella, Napoli. Nel 2015  la sua composizione Triumviratus si aggiudica il concorso Anima Mundi Composition Prize e viene eseguita dal trio australiano Anima Mundi presso il Performing Art Centre Geelong a Newtown ed al Melbourne Recital Centre (Australia). Come pianista è attivo professionalmente fin dalla seconda metà degli anni ’90, e si contraddistingue per la sua capacità di spaziare in diversi ambiti musicali. In campo jazzistico annovera collaborazioni con importanti artisti italiani e stranieri, fra i quali Antonio Onorato, Salvatore Tranchini, Ben MacDonald, Woijtek Pilichowsky, Marco Sannini, Giulio Martino, Sandro Deidda, Pietro Condorelli, Umberto Muselli, Leonardo De Lorenzo, Vincenzo Saetta, Giacinto Piracci, Claudio Romano, Marco De Tilla, Walter Ricci, Gianfranco Campagnoli, Alberto D’Anna, Alessandro Tedesco. Partecipa inoltre ad importanti rassegne internazionali del settore (Eddie Lang Jazz Festival, Nick La Rocca Festival, Marigliano in Jazz, Eqo Festival, Musicalea Palermo, Teggiano Jazz, Katerinburg Festival, Campania Jazz, ed altri) sia nelle vesti di sideman che in qualità di leader di propri progetti musicali. Nel 2010 ha inciso il suo primo cd da leader di formazioni jazzistiche, Absence, (distr. Cd Baby), lavoro che ha ricevuto consensi anche in paesi asiatici quali Cina, Giappone, Honk-Kong e Corea.    Nel 2012 prende parte, insieme a svariati artisti del panorama jazz partenopeo ed italiano, alla registrazione del cd Io pretendo dignità , progetto patrocinato da Amnesty International. In ambito teatrale si distingue sia come compositore di musiche di scena (premiato al Festival Stradarte 2000 per la colonna sonora della fiaba Un albero di nome Giona di Alessandra Lagozino) che come pianista coinvolto in progetti particolari: dal 2004 aderisce allo spettacolo Poeta Massimo (di e con Enzo Decaro, testi di Massimo Troisi) e ne incide anche l’omonimo cd (ed. AlaBianca, distribuito da Warner Music Italia) lavorando accanto a musicisti del calibro di Paolo Fresu, Daniele Sepe, James Senese, Solis String Quartet, Cecilia Chailly, ed altri).    Sempre con Enzo Decaro, poi, partecipa alla tournee teatrale intitolata Chet c’è, omaggio a Chet Baker. Autore anche di jingles e musiche per sonorizzazioni, in occasione del Natale 2007 compone (per l’Assessorato alle Politiche Sociali della Campania) le musiche per un importante spot pubblicitario (trasmesso dalle tre reti Rai) contro l’utilizzo dei fuochi d’artificio illegali, interpretato dall’attore Enzo Cannavale. Nel 2010 ha lavorato stabilmente come pianista per la trasmissione radiotelevisiva RadioLino (di Lino Volpe), trasmessa in diretta radio su RadioClub91 e sul canale televisivo Iride.


Biglietto unico € 12,00

Per i possessori della Wine&TheCity Card il costo del biglietto è di € 10,00

Per info e prenotazione: wunderkammerteatro@gmail.com

 


Non sai dov'è il concerto?
Calcola il percorso.