13 dicembre martedì ore 18.00

Chiesa di San Rocco a Chiaia

Lucio Tufano
Stefano Aresi

Presentazione del volume In note velocissime




Lucio Tufano e Stefano Aresi presentano "In note velocissime", volume di Stefano Aresi


Questo libro offre uno sguardo documentato e dettagliato sulla carriera, la vita e le capacità artistiche di Luigi Marchesi (1754-1829), uno dei più celebri cantati castrati della storia della musica. Con una folgorante attività durata quarant'anni, Marchesi ha attraversato il mondo a lui contemporaneo suscitando le più disparate reazioni, collaborando con compositori quali Anfossi, Sarti, Zingarelli, Cimarosa, Cherubini, Salieri, Mayr, Martìn y Soler, Myslivecek, Pugnani, compiacendo le commissioni di Caterina di Russia, Giuseppe II d'Austria, Napoleone, e divenendo un paramentro utile alla comprensione del teatro operistico e della società italiani al crollo dell'ancien régime.


Dottore di ricerca in musicologia, Stefano Aresi si è occupato di problemi di prassi esecutiva vocale, filologia e nascita del classicismo. Nel 2010 ha fondato Stile Galante, ensemble su strumenti d'epoca da lui diretto, il cui lavoro ha ricevuto entusiaste recensioni da The Guardian, BBC Music Magazine, The Gramophone, Avvenire, The Irish Times, The Sunday Times, Milano Finanza, Klassik magazine, ecc.

Come ricercatore, Aresi ha pubblicato per ETS, SIdM, Pavia University Press, Baerenreiter (MGG), Laaber-Verlag, Gran Tonante.  Oltre a partecipare a svariati convegni specialisti, è spesso invitato a tenere lezioni e masterclass presso diverse istituzioni, quali, in tempi recenti, l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e la Stanford University.


Luigi Marchesi (1754-1829) è stato uno dei più importanti cantanti castrati della storia della musica. Questo libro di Stefano Aresi offre per la prima volta uno sguardo documentato e dettagliato sulla carriera, la vita e le capacità artistiche del cantante. Con una folgorante carriera iniziata tra le navate del Duomo di Milano nel 1765 e chiusasi al Teatro alla Scala nel 1805, Marchesi ha attraversato il mondo musicale a lui contemporaneo suscitando le più disparate reazioni. In quarant’anni di lavoro ininterrotto sui palcoscenici più prestigiosi Marchesi collabora con con compositori quali Anfossi, Sarti, Zingarelli, Cimarosa, Cherubini, Salieri, Mayr, Martín y Soler, Myslive?ek, Pugnani; è ricercato da (e talora si scontra apertamente con) personaggi quali Caterina di Russia e Napoleone e forma il gusto di una intera generazione di artisti del suono. Con napoli il castrato mantenne un rapporto privilegiato, come onorato ospite del Teatro San Carlo e come collaboratore di alcuni dei più grandi compositori partenopei a lui contemporanei.


Non sai dov'è il concerto?
Calcola il percorso.