17 gennaio venerdì ore 20.30

Palazzo Zevallos Stigliano, sede museale di Intesa Sanpaolo

Concerto de Cavalieri
G.Bridelli,
mezzosoprano
M.di Lisa, cembalo e direzione

Una Musa per Metastasio: Marianna Benti Bulgarelli detta: “la Romanina”



Giuseppina Bridelli mezzosoprano

Concerto de’ Cavalieri

Marcello Di Lisa direttore

 

Concerto de’ Cavalieri

violini I

Paolo Perrone*, Rossella Croce, Marialuisa Barbon

violini II

Antonio De Secondi*, Giancarlo Ceccacci, Laura Corolla

viola

Piero Massa

violoncello

Giovanna Barbati*

contrabbasso

Luca Cola

clavicembalo

Federica Bianchi

 

*soli e concertino



UNA MUSA PER METASTASIO

MARIANNA  BENTI BULGARELLI DETTA: "LA ROMANINA"

 

 - Leonardo Vinci           

Arie di Emira dalSiroe     

Benché s’asconda

Vedeste mai sul prato

 

 - Alessandro Scarlatti   

Concerto grosso n. 3 in fa maggiore

 

 - Francesco Feo             

Arie di Viriate dalSiface             

Viriate, che pensi? –  Sordi numi

Tu mi vorresti misera

 

 - Alessandro Scarlatti   

Concerto grosso n. 1 in fa minore

 

 - Domenico Sarro           

Arie di Didone dalla Didone

Non ha ragione, ingrato

D’ogni amator la fede

 

 - Alessandro Scarlatti   

Concerto grosso n. 2 in do minore

 

 - Nicola Porpora            

Arie di Angelica dall’Angelica

Io dico all’antro addio

Costante e fedele 



Giuseppina Bridelli Mezzosoprano

Nata a Piacenza nel 1986, si diploma con il massimo dei voti e la lode a soli 21 anni sotto la guida di Maria Laura Groppi. Si perfeziona nel repertorio barocco con Sonia Prina.

Nel 2007 il giovane mezzosoprano vince il Concorso Internazionale As.Li.Co. e debutta nei panni di Despina in “Così fan tutte”, nei Teatri di Brescia, Cremona, Como e Pavia per la direzione di D. Fasolis e la regia di M. Dammacco.

 

Dall’autunno del 2008 entra a far parte della Scuola dell’Opera Italiana, presso il teatro Comunale di Bologna, con il quale stabilisce un’intensa e duratura collaborazione: Lucia ne “La gazza ladra” di G. Rossini, Mercedes in ”Carmen” di G. Bizet, Flora accanto a Mariella Devia, sotto la bacchetta di M. Mariotti e per la regia di A. Antoniozzi, Idamante in “Idomeneo” di W.A. Mozart per la direzione di M. Mariotti e la regia di D. Livermore, Zerlina nel “Don Giovanni” per la regia di Pier Luigi Pizzi. Ha inoltra partecipato Tournèe in Giappone, come Enrichetta ne “I Puritani” e Mercedes in “Carmen”.

Intensa anche l’attività nell’ambito della musica da camera e contemporanea: ha interpretato i “Cinque frammenti di Saffo” di Luigi DallaPiccola e i Ruckert Lieder di Mahler al Comunale di Bologna, il monologo“Le bel Indefferent” di M. Tutino e il ciclo “Das Knaben Wunderhorn” di Mahler al 36° Festival della Valle D’Itria.

 

Particolarmente predisposta per il repertorio barocco, interpreta Poesia e Amore nel “Novello Giasone” di Cavalli-Stradella, diretta da Antonio Greco, al festival della Valle D’Itria 2011, Ottavia nell’ “Incoronazione di Poppea” al festival 2012 diretta da Massimiliano Toni, Clori ne “Gli equivoci nel sembiante” a Barga e all’Associazione Scarlatti di Napoli con Auser Musici.

Si è esibita Festival de st Michel en Thierache, su musiche di Scarlatti Vivaldi e Gasparini, e recentemente a Parigi, presso l’Eglise des Billettes con Auser Musici; al Festival di Froville 2013, e al Festival Baroque et plus di Lione, con Le concert de l’Hostel de Dieu su un programma vivaldiano.

 

Ha vinto il primo premio al Concorso di canto barocco Fatima terzo di Vicenza, il 2° premio al Concours international de chant baroque de Froville 2012, il 1° premio al Concorso internazionale di canto barocco “F.Provenzale” 2012, e il secondo premio al Moniuszko international singing competition 2013.

Nel 2013 è stata ospite del Festival de Beaune e del Festival de Bremen per “Incoronazione di Dario” di Vivaldi con Accademia Bizantina diretta da Ottavio Dantone, con registrazione Naive.

 

Tra gli impegni recenti ricordiamo il debutto al teatro San Carlo di Napoli come Flora ne “La traviata” (con tournee ad Hong Kong a marzo 2013).

 

Tra gli impegni futuri sarà Zaida ne “Il turco in Italia” all’Opera di Nantes, Ernesto ne “Il mondo della luna” di Haydn all’Opera di Montecarlo, Ippolita in “Elena” di Cavalli all’Opera de Lille, Despina ne “Così fan tutte” al Teatro Comunale di Bologna, Orontea in “Orontea” di Cesti all’Innsbruck Festwochen.


Marcello Di Lisa e Concerto de' cavalieri 

Marcello Di Lisa si è laureato nel 2000 in Lettere Classiche presso l’Università di Pisa e, nel 2004, ha conseguito il titolo di Dottore di Ricerca in Filologia e Letterature Greca e Latina presso la stessa università con il Prof. Antonio Carlini, con una tesi sulla tradizione manoscritta delle opere di Archimede. Negli stessi anni ha collaborato con prestigiose riviste di studi sul pensiero antico, con particolare interesse per le questioni di matematica greca.

Quanto alla formazione musicale, ha studiato composizione con Francesco Vizioli e, interessatosi poi alla filologia musicale, clavicembalo e fortepiano con Andrea Coen. Riunendo in seguito alcuni tra i migliori strumentisti italiani dediti al repertorio barocco e classico su strumenti d’epoca, ha costituito presso la Scuola Normale Superiore di Pisa l’ensemble Concerto de’ Cavalieri,che si è affermato come una delle formazioni di maggiore interesse nel panorama della musica antica italiana, presente in alcune delle più importanti stagioni concertistiche in Italia e all’estero, anche in collaborazione con solisti di fama, con un repertorio che spazia dal tardo Seicento al primo Romanticismo.

Concerto de’ Cavalieri incide per Sony e le sue registrazioni discografiche sono state accolte con grande favore dalla critica internazionale. È attualmente impegnato, per Sony Classical,in un progetto discografico pluriennale sull’opera italiana del Settecento.

Sul versante della ricerca musicologica, si dedica alla riscoperta del patrimonio musicale romano del Seicento e del Settecento, con particolare attenzione alle partiture inedite di Alessandro Scarlatti. Per approfondire tale percorso di ricerca, ha avviato una collaborazione con la Fondazione Pietà de’ Turchini.


Non sai dov'è il concerto?
Calcola il percorso.