Archivio 2011/2012

La Chitarra de Ida y Vuelta

venerdì 27 aprile 2012

Concerto organizzato con la collaborazione tra Pietà de'Turchini e Altre Corde (Associazione Musicale)


sacrica qui le note di sala 


*Numero posti limitato.

 

I

Michaël PRAETORIUS (1571 – 1621)
  Four Dances from Terpsichore
  Courante I et II
  Ballet
  La Volta

 

Sylvius Leopold WEISS (1686-1750)
  Suite N° XXV  «L’infidèle»
  Entrée
  Courante
  Sarabande 
  Menuet
  Musette
  Paysane

 

Manuel De FALLA (1876-1946)
  Homenaje a Debussy
  Romance del pescador
  Danza del Corregidor

 

II

Antonio RUIZ-PIPÓ (1934-1997)
  Canción y Danza N° 1

 

Astor PIAZZOLLA* (1921-1992)
  De “Cinco Piezas para Guitarra
  Campero
  Compadre
  Romántico
  Acentuado

 

Atahualpa YUPANQUI (1908-1992)
  Cuatro piezas del folklore Argentino
  Lloran las ramas del viento (Vidala)
  El Tulumbano (Gato)
  Danza de la paloma enamorada
  Cruz del Sur (Malambo)

 

* Escritas para Roberto Aussel

 

Roberto Aussel, nato a La Plata in Argentina, è considerato dalla critica mondiale come uno dei massimi chitarristi al mondo. Ha iniziato lo studio della chitarra alla tenera età di sei anni, ma decisivo per la sua formazione fu l'incontro con il maestro Martinez Zarate, con il quale studiò presso il conservatorio Juan de Castro.

Dal 1972 in poi il suo nome cominciò ad essere conosciuto al di fuori dei confini Argentini, nel 1975 vinse il più prestigioso concorso di chitarra di tutti i tempi, il Radio France indetto dalla radiotelevisione francese ORTF e patrocinato dal compianto Roberto Vidal, al suo palmares nello stesso anno si aggiunge la vittoria del concorso di Porto Alegre in Brasile nonchè, l'anno successivo, la vittoria al concorso Alirio Diaz di Caracas.

Da quel momento in poi la sua fama non conoscerà ombre. Importanti compositori dedicheranno a lui apere maestre e la casa edetrice francese Lemoine gli affiderà la direzione di una importante collana dedicata alla chitarra.

Aussel è un artista rigorosissimo ma eclettico i suoi interessi spaziano dal barocco, del quale è interprete raffinatissimo, alle avanguardie più moderne, senza però dimenticare la musica della sua terra, come dimostra il suo ultimo disco dedicato alla musica del grande Yupanqui.

Da anni Roberto Aussel è stato chiamato a ricoprire a Colonia una cattedra di alto perfezionamento, tra le più rappresentative in Europa. Roberto Aussel manca dalla scena napoletana da più di venti anni, quando fu invitato dalla allora attiva associazione Manuel de Falla a tenere delle masterclass di alto perfezionamento, tra l'altro seguitissime, e tenne un memorabile concerto ottenendo un trionfo di critica e di pubblico. Attualmente il maestro Aussel risiede a Parigi, città nella quale si è istallato dopo la vittoria al concorso di Radio France.