-
Chiesa di Santa Caterina da Siena

Quartetto per la fine del tempo

Sandro Cappelletto
Il Circolo Artistico Ensemble

Programma
Olivier Messiaen (1908 – 1992) Quatour pour la Fin du Temps per vl,cl,vlc e pf (composto tra il 1940 -41)
1.    Liturgie de cristal
2.    Vocalise pour l’ange qui annone la fin du temps
3.    Abîme des oiseaux
4.    Intermède
5.    Louange à l’éternité de Jèsus
6.    Danse de la fureur, pour les sept trompettes
7.    Foullis d’arcs – en – ciel , pour l’ange qui annonce la fin du temps

8.    Louanges à l’immortalité de Jésus


Sandro Cappelletto

Scrittore e storico della musica, Sandro Cappelletto è nato a Venezia nella seconda metà del Novecento. Laureato in Filosofia, ha studiato armonia e composizione con il maestro Robert Mann. Tra le sue principali pubblicazioni, la prima biografia critica di Carlo Broschi Farinelli (“La voce perduta”, EDT, 1995), un’analisi della “Turandot” di Puccini (Gremese Editore, 1988), una biografia di Beethoven (Newton Compton, 1986), un saggio su Gaetano Guadagni (Nuova Rivista Musicale Italiana, 1993), un’inchiesta politica sugli enti lirici italiani (“Farò grande questo teatro!”, EDT 1996).Esce nel 2006 “Mozart – La notte delle Dissonanze” (EDT), libro dedicato al misterioso Adagio introduttivo del Quartetto per archi K 465.Per la “Storia del teatro moderno e contemporaneo” (Einaudi, 2001) ha scritto il saggio “Inventare la scena: regia e teatro d’opera”. Nel 2002, con Pietro Bria, dà alle stampe “Wagner o la musica degli affetti” (Franco Angeli), raccolta di riflessioni e interviste di Giuseppe Sinopoli, di cui nel 2006 cura, per Marsilio Editori, “Il mio Wagner – il racconto della Tetralogia”.Autore di programmi radiofonici e televisivi per le frequenze Rai (crea nel 2001 la trasmissione di Rai-Radio Tre “La scena invisibile”),  ha scritto numerosi lavori teatrali (“Quel delizioso orrore”, “Solo per archi’, “Poiché l’avida sete”,  “Vostro devotissimo Wolfgang Amadé”).I suoi testi per il teatro musicale sono nati dalla collaborazione con numerosi compositori italiani: Ambrosini, Corghi, D’Amico, Gentile, Lupone,  Morricone,  Pennisi, Piacentini.Accademico dell’Accademia Filarmonica Romana, ha diretto su invito di Giuseppe Sinopoli  il settore drammaturgia e didattica del Teatro dell’Opera di Roma.  Nel 2004 vince il Premio d’Arcangelo per la critica musicale indetto dal festival di Martina Franca.Giornalista professionista, collabora al quotidiano “La Stampa”.E’ membro della commissione artistica della Scuola di Musica di Fiesole.


Il Circolo Artistico Ensemble

Dario Candela pianoforte
Luca Iovine clarinetto
Giuseppe Carotenuto violino
Nicola Marino violinio
Giuseppe Navelli viola
Manuela Albano violoncello
Il Circolo Artistico Ensemble è specializzato nel repertorio del primo Novecento, ha proposto in prima esecuzione contemporanea opere di autori Italiani attivi tra le due guerre ottenendo per questo progetto il riconoscimento di grandi interpreti: nel 2008 Aldo Ciccolini ha suonato con il C. Art. Ensemble al Teatro Mercadante di Napoli, e Bruno Canino al Teatro La Fenice di Venezia, Roberto De Simone ha affidato al gruppo la Suite “In morte della Tarantola”, eseguita in prima assoluta a Parigi e ultimamente all’Auditorium del Parco della Musica di Roma e poi in Germania, Francia e in Italia, Taranto, Catania, Roma, Macerata, Milano con enorme successo di stampa in testate come il Giornale della Musica, Amadeus, Repubblica, Rhein Neckar Zeitung, Il Mattino e il Roma. Da qui è nato il progetto TaranTODAY – formule ritmiche di carattere ipnotico-  con l’intento di  commissionare nuove composizioni che abbiano come fonte ispiratrice la musica popolare del Sud Italia. Nel novembre 2011 è uscito un CD del C.Art. Ensemble registrato con la partecipazione di Aldo Ciccolini per Naxos, dove, in prima mondiale, sono pubblicati i quintetti di Mario Pilati e Achille  Longo. Forte di una consolidata esperienza cameristica, il “C. Art. Ensemble” si è esibito inoltre al fianco di Alain Meunier, Antony Pay, Rocco Filippini, Antonio Salvatore, Francesco Manara, Carlo Bruno, ha collaborato con Roberto De Simone e Sandro Cappelletto, con gli attori Renato Carpentieri e Rosaria De Cicco e con Movimento Danza e svolge una intensa attività concertistica.L’Ensemble ha costituito nel 2007 il Centro Italiano di Musica da Camera, tra le cui attività c’è, tra l’altro, la gestione della Biblioteca Mario Pilati, dedicata al Novecento musicale italiano dove i componenti svolgono attività di ricerca.Il C. Art. Ensemble è una formazione ad organico variabile costituita in prevalenza da musicisti napoletani vincitori di concorsi presso prestigiose istituzioni europee: Teatro San Carlo di Napoli, Conservatorio Superiore “Cortot” di Parigi, Musikhochschule di Francoforte, Accademia Chigiana di Siena. Tre dei componenti dell’Ensemble fanno parte stabilmente dell’orchestra del Teatro di San Carlo di Napoli.
Official site www.ilcircoloartistico.com  mail info@ilcircoloartistico.com


Rinchiuso nel lager nazista di Goerlitz durante l’inverno 1940-1941, assieme ad altre migliaia di prigionieri di guerra e di internati, privato di tutto, Olivier Messiaen compone una delle pagine più toccanti e felici dell’intera sua opera.Mentre stava vivendo la propria apocalisse – e con lui milioni di altri uomini, sopraffatti dal furore  politico e razziale – il compositore francese (1908-1992)  si affida alla musica. Il Quartetto per la fine del Tempoesprime la forza della sua speranza, più tenace di ogni disperazione, e rimane testimonianza e memoria inscalfibile della volontà  dell’uomo a immaginare un mondo di pace.Ma come può, un musicista, pensare alla fine del Tempo, l’elemento fondamentale attorno al quale organizza la composizione?

Sandro Cappelletto

Hai bisogno di informazioni?

Contattaci

Reggio Emilia

Padova

Iscriviti alla Newsletter