Staff

Reggio Emilia

Padova

Mariafederica Castaldo

Presidente e Direttore Artistico

Nata a Napoli si laurea con lode in Lettere Moderne nel 1991, sotto la Guida di Franco Carmelo Greco, docente di Storia del teatro, con una tesi sullo spettacolo musicale a Napoli nella seconda metà del Seicento all'Università Federico II. Con il professore Greco muove i primi passi in ambito professionale: dalla organizzazione di mostre e rassegne musicali, alla pratica giornalistica per la recensione di spettacoli dal vivo, dalla redazione di testi per programmi di sala alla pubblicazione di saggi, partecipando quale relatrice a diversi convegni scientifici. Nel '91 affianca Vittoria Ottolenghi nell'organizzazione della rassegna di danza "Maratona per Mozart" a Villa Campolieto. Nel 1992 si trasferisce a Parigi con una borsa di studi per condurre una ricerca sulle scenografie realizzate al Théatre de l'Opéra da noti artisti contemporanei, guidata da Annette Malochet Professoressa di Art Plastiques all'Università La Sorbona. Nel '93 rientra in Italia per continuare i propri studi, grazie ad un dottorato di ricerca che porta a termine nel '95, presso l'Università di Salerno, con una tesi sullo spettacolo in musica a Napoli alla fine del XVII secolo. Dal '96 al '97 riceve dal Consorzio Beni Culturali della Campania COBECAM, un incarico per la catalogazione sia dell'archivio teatrale appartenente agli eredi di Raffaele Viviani sia del fondo teatrale: manoscritti, dipinti, fotografie etc del Museo Nazionale di San Martino di Napoli. Contemporaneamente all'insegnamento delle materie letterarie e del latino nelle scuole superiori, nel 1997 progetta e fonda, insieme al direttore d'orchestra Antonio Florio, al musicologo Dinko Fabris, con la consulenza legale di Marco Rossi, l'associazione culturale Centro di Musica Antica Pietà de' Turchini, trasformata in Fondazione di diritto privato nel 2010. Nella sua funzione di membro del consiglio direttivo e di direttore generale e di membro del comitato artistico del Centro di Musica Antica, si occupa della progettazione e programmazione delle attività musicali, scientifiche, editoriali e didattiche, ed è delegata a rappresentare la Fondazione nell'ambito del REMA, Rete Europea della Musica Antica, delle EMW le European Mozart Ways, nonchè a curarne le relazioni con le Università italiane ed europee, gli Istituti di cultura, i teatri e le istituzioni musicali e scientifiche in Italia e in Europa, con l'obiettivo di promuovere e diffondere i progetti scientifici ed editoriali e le produzioni musicali che la Fondazione elabora e realizza. Nel 2010 è stata coordinatrice artistica e responsabile delle relazioni istituzionali per la prima edizione del Festival Muse Salentine, che ha avuto svolgimento in alcuni borghi di straordinaria bellezza del Salento in Puglia, il Festival creato e presieduto da Charles Adriaenssen, titolare del gruppo discografico OUTHERE si è avvalso della direzione artistica di Roberto Festa, fondatore e direttore dell'ensemble di musica rinascimentale Daedalus. Dal 2019 è Presidente della Fondazione Pietà de' Turchini. Impiegata livello Q2 - assunzione a tempo indeterminato avvenuta il 4.01.1999 – retribuzione lorda annua di € 32.956,00

Marco Rossi

Direttore Generale

Nato a Napoli si laurea in Giurisprudenza presso l'Università Federico II ed inizia l'attività forense collaborando allo studio del Prof. Giovanni Verde. Successivamente, mette a frutto le esperienze maturate, in un'attività imprenditoriale di famiglia nel settore dell'edilizia industriale. Quale conseguenza di alcune personali ricerche ed interessi nel campo della gestione degli enti non profit, nel 1997, offre la propria consulenza legale e partecipa alla fondazione del Centro di Musica Antica Pietà de' Turchini insieme alla storica del teatro Federica Castaldo, al direttore d'orchestra Antonio Florio e al musicologo Dinko Fabris. Convinto delle prospettive di crescita e sviluppo dell'Ente, decide di dedicarsi alla gestione amministrativa e alla cura delle relazioni istituzionali e dei rapporti con gli enti di pubblica amministrazione, contribuendo in maniera sostanziale e in pochi anni, ad accreditare il Centro di Musica Antica, di cui è presidente dal 2003 al 2018, tra le organizzazioni concertistiche di più alto prestigio nel panorama nazionale e internazionale. In qualità di Presidente dell'Associazione prima e della Fondazione poi, ha promosso ed ha progettato con l'Architetto Klaus Schuwerk il restauro della ex Chiesa di Santa Caterina da Siena, prestigioso complesso architettonico del XVII secolo sede del "Centro di Musica Antica Pietà de' Turchini". Conseguentemente ha altresì promosso la riqualificazione urbanistica dell\'asse viario di Piazzetta Cariati e di via Santa Caterina da Siena, affidandone l\'incarico di progettazione al Prof. Arch. Riccardo Dalisi. Di concerto con la Soprintendenza BAPPSAE di Napoli e Provincia ha dato significativo impulso al restauro del Teatro di Corte di Palazzo Reale. Tutti i restauri elencati sono stati realizzati in gran parte grazie al contributo finanziario della Compagnia di San Paolo di Torino, interlocutore privilegiato di molte attività ed iniziative realizzate dal Centro.Dal 2000 al 2011 è stato segretario tesoriere e consigliere del direttivo dell'Orchestra Barocca Cappella della Pietà de' Turchini con delega per i rapporti istituzionali. Ha ispirato la costituzione dell'associazione di categoria Sistema Musica e Danza - Campania aderente all'Unione Regionale Agis, di cui è stato eletto presidente dal 26 giugno 2007 al 24 febbraio 2011, contribuendo con idee originali all'ideazione di progetti inediti, e offrendo nuovi contenuti al dibattito culturale e politico sullo spettacolo dal vivo. Ha inoltre contribuito attivamente alla elaborazione della Legge quadro n.6/2007 sullo spettacolo dal vivo approvata dalla Regione Campania. Con un progetto originale dal titolo Re.Crea Residenza Creativa per artisti, attori, musicisti ha ottenuto l’assegnazione per la Fondazione della Chiesa Cinquecentesca di San Rocco a Chiaia della quale ha presentato, ottenendone approvazione, un progetto di restauro conservativo che è stato realizzato nel 2014 con fondi della Compagnia di San Paolo di Torino. Nel 2012 ha fondato insieme a Federica Castaldo un ensemble giovanile su strumenti originali dal nome Talenti Vulcanici che riunisce giovani eccellenze del territorio nazionale e internazionale per le quali organizza stage di alta formazione professionale finalizzata all’esecuzione concertistica. Nomina con verbale del Consiglio direttivo del 09.07.2009

Elena Esposito

Segretario Tesoriere

Data di assunzione è 1/10/1999 impiegato livello C2 che è precedente alla nomina di segretario tesoriere. Retribuzione annua 2013 19.570,00

Adelaide Mascolo

Coordinatore artistico ed organizzativo

Nata a Castellammare di Stabia nel 1991, si laurea con lode in Management dei beni culturali presso l’Università degli Studi di Napoli "Federico II". In qualità di coordinatore del Centro di Musica Antica Pietà de’ Turchini, si occupa di pianificazione e controllo delle risorse umane, tecnologiche ed organizzative; attivazione di relazioni con soggetti istituzionali, economici e sociali sul territorio; fundraising e crowdfunding; tutoraggio delle attività formative. Frequenta, inoltre, diversi corsi di formazione tra Napoli, Roma, Edimburgh e Bruxelles che le hanno permesso di maturare esperienze nazionali ed europee finalizzate all’elaborazione, monitoraggio e valutazione di progetti in ambito artistico e culturale. Ha in tal modo incrementato la partecipazione del Centro a calls pubbliche e private attraverso proposte inerenti la valorizzazione di produzioni, rassegne, convegni, eccellenze giovanili, beni librari e la rivitalizzazione del territorio. Dal 2015 assume l’incarico di Segretario Tesoriere dell’associazione "Talenti Vulcanici – Ensemble giovanile della Pietà dei Turchini", della quale gestisce la documentazione tecnico-amministrativa. Dal 2016 cura la redazione della Casa Editrice “Turchini Edizioni”. È manager dell’Ensemble Talenti Vulcanici, promuovendone la diffusione dei risultati e delle produzioni sulla scena nazionale ed internazionale. Retribuzione annua 12.312,14

Renato Rizzardi

Addetto Stampa

Paola De Simone

Curatore note di sala

Musicologa, critico musicale e di danza, autrice di saggi e ricerche dedicati alla ricostruzione documentaria degli eventi storico-artistici e spettacolari nella Napoli sia sacra che teatrale del Sette e Ottocento, docente di I fascia titolare della cattedra di Poesia per Musica e Drammaturgia Musicale e degli insegnamenti affini di I e II livello quali Storia del Teatro musicale, Retorica musicale, Storia e Tecnologia degli strumenti, Analisi delle forme poetico-musicali, Metodologia dell'indagine storico-musicale e Storia del Jazz presso il Conservatorio di Musica “Carlo Gesualdo da Venosa” di Potenza, Istituzione di Alta Formazione di cui attualmente, in secondo mandato, è membro del Consiglio Accademico. Nell’ambito dei progetti organizzati dal POR Campania ha anche svolto attività di docente per il Corso di “Esecutore esperto del repertorio settecentesco napoletano” e per i Corsi “Musica e spettacolo: il Musical”, “Manager e Spettacolo”. Ha partecipato alla manifestazione d’interesse per l’incarico di sovrintendente del Teatro San Carlo di Napoli indetta in data 27 giugno 2019. Paola De Simone, napoletana, diplomatasi in pianoforte e laureatasi con votazione 110 e lode in Lettere moderne con indirizzo storico-artistico e tesi in Storia della Musica presso l’Università “Federico II” di Napoli, ha svolto a partire dalla fine degli anni Ottanta una serrata attività di formazione, comunicazione, valutazione critica, ricerca, consulenza scientifica – dal 2008 ricopre tale incarico per il Maggio della Musica firmato dalla direzione artistica di Michele Campanella –,   catalogazione in rete, promozione e organizzazione del patrimonio storico-musicale e coreutico. Dal 16 giugno 1993 è iscritta all’albo dell’Ordine Nazionale dei Giornalisti - Elenco Pubblicisti. È inoltre iscritta alla Società Italiana di Musicologia e all'Associazione Nazionale Critici Musicali. Per l’anno 2019 è stata scelta quale componente della giuria del Premio della Critica Musicale Italiana “Franco Abbiati” 2018. A partire dal 1988 ha iniziato a esercitare un’intensa attività di giornalista specializzata in critica musicale e di danza per importanti quotidiani di Napoli quali Paese Sera, il Roma, la Repubblica, il Corriere della Sera/Corriere del Mezzogiorno in parallelo alle collaborazioni per il mensile Danza&Danza e il magazine on line Campadidanza. Nel giugno 2015 ha creato la rivista on line di critica musicale e coreutica La quinta giusta, della quale a tutt’oggi è direttore e unica firma e, dal dicembre 2017, collabora con la rivista online Connessi all'Opera di Roberto Mori. Dal 1999 al 2007 è stata membro delle Commissioni Danza e Musica del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, dal 2000 al 2011 è stata scelta in qualità di Catalogatore esperto dalla Biblioteca del Conservatorio “San Pietro a Majella” per lavorare al progetto speciale di catalogazione dei manoscritti musicali in rete web promosso dal Mibac (Dipartimento Beni Librari e Nuove Tecnologie) e realizzato dalla ditta SIAV, quindi è stata referente unico per la catalogazione dell’intero fondo ottocentesco dei figurini della Collezione Guillaume oggi consultabile sulla piattaforma InternetCulturale, sezione grafica della Biblioteca digitale. È stata componente della Commissione Cultura della Regione Lazio. Relatrice in conferenze, seminari, incontri culturali e convegni internazionali di studi, ha pubblicato numerosi saggi storico-critici e articoli per le maggiori istituzioni scientifiche, liriche, concertistiche e coreutiche regionali e nazionali, firmando progetti di riscoperta del repertorio musicale napoletano di epoca vicereale e borbonica, curando le note musicologiche allegate ad incisioni in cd fra le quali “Il marito disperato” di Domenico Cimarosa registrato nel 2003 dall’Orchestra del Teatro San Carlo di Napoli per l’etichetta Bongiovanni. È autrice della monografia “Il Signore della Musica. Aladino Di Martino” edito nel 2009 da Dante&Descartes, coautrice del Catalogo dei libretti di ballo della Biblioteca del Conservatorio “S. Pietro a Majella di Napoli”, del Catalogo della Mostra dei Figurini dalla Collezione Guillaume “Arte, Artisti, Costumi e Censura sulla scena dei Reali Teatri di Napoli sulla scena dell’Ottocento musicale e coreutico” (edizioni Conservatorio "San Pietro a Majella" 2014) e di numerosi saggi scientifici, su Alessandro Scarlatti, Niccolò Jommelli, sul Dramma scolastico napoletano, su Apostolo Zeno, Giovanni Paisiello, Luigi Marchesi, Gennaro Magri, sugli Intermezzi, sui rapporti fra diplomazia e mecenatismo delle arti, sulle cantanti virtuose del Settecento, su Francesco Durante. Saggi fra i quali si segnalano in particolare, nell’ambito degli Atti dei Convegni di Studi Internazionali rispettivamente pubblicati e consultabili on line presso i siti web del Conservatorio “F. Cilea” di Reggio Calabria e della Fondazione “G. Cini” di Venezia - Southampton University, i contributi dal titolo “La Cerere placata di Niccolò Jommelli: azione e interazione fra i diversi linguaggi dell’arte in gioco fra Napoli e l’Europa” corredato da oltre 750, nuovi documenti, e, in collaborazione con Nicolò Maccavino, “I figurini della Collezione Carlo Guillaume: dalla Biblioteca del Conservatorio San Pietro a Majella una fonte d’archivio ancora inedita per l’Ottocento musicale e coreutico sulla scena dei Reali Teatri di Napoli”. Per il volume di “Ricerche sull’arte a Napoli in età moderna” (Arte’m, Saggi e documenti 2015) ha inoltre pubblicato lo studio “Dalla serenata Cerere placata a palazzo Perrelli. Nuovi documenti per le arti a Napoli” mentre, per l'Istituto Italiano di Storia della Musica, è in preparazione con Nicolò Maccavino l'edizione critica della Serenata "Cerere Placata" di Niccolò Jommelli. Si segnala inoltre la scoperta e pubblicazione di una supplica inedita di Gaetano Donizetti all’interno del saggio Un tardo esempio di dramma tragisacro nel solco della tradizione scolastica napoletana: l’Ester, ed Assuero di Francesco Catugno per il “Real Conservatorio della Pietà de’ Torchini” nella Quaresima 1806 (Edizioni del Conservatorio di Musica “Francesco Cilea” di Reggio Calabria). Attualmente sono in stampa: due volumi per la Turchini Edizioni 2019 sulla ricostruzione storico-documentale dell’intero tessuto musicale e festivo con relative Cuccagne organizzato fra Caserta e Napoli nell’anno 1768 per il matrimonio di Ferdinando IV di Borbone e Maria Carolina, con edizione critica della partitura co-firmata con lo studioso Nicolò Maccavino (Miti, metafore e feste per le scene di un Regno: intorno alle Nozze di Peleo e Tetide di Giovanni Paisiello); un saggio sulla restituzione degli anni napoletani del ballerino grottesco Gennaro Magri contenente importantissimi documenti d’archivio, notarili e di banco inediti (Nuove fonti d’archivio su Gennaro Magri fra questioni teatrali e affari patrimoniali, Aracne); la ricerca per la Rivista della Società Italiana di Musicologia sulle rappresentazioni alla Reggia di Caserta della prima versione del Mondo della luna di Paisiello (Il Credulo deluso di Giovanni Paisiello (1774) dal Teatro Nuovo al Real Teatro di Caserta: nuovi dati documentali dal Conto delle spese dell’Archivio Farnesiano); lo studio e restituzione delle fonti per la Serenata teatrale “Il giudizio di Apollo” di Nicola Sala (1768) nel saggio co-firmato con Nicolò Maccavino Alfonso Clemente de Aróstegui: musica, arte e mecenatismo nella Napoli borbonica di Carlo III e Ferdinando IV (Wien, Hollitzer, 2019, Atti del Convegno Internazionale di Studi “A diplomacia e a aristocracia como promotores da música e do teatro na Europa do Antigo Regime”, Centro de Estudos  Musicais Setecentistas De Portugal); il saggio “Soggetti storici, letterari o di pura fantasia, autori, interpreti e censura: dai figurini della Biblioteca del Conservatorio San Pietro a Majella nuove coordinate e organici per l'Ottocento coreutico a Napoli” presentato nel novembre 2017 nell’ambito del Convegno Internazionale di Studi “Danza e ballo a Napoli: un dialogo con l'Europa (1806-1861)” organizzato nel novembre 2017 a Napoli da AIRDanza - Associazione Italiana per la Ricerca sulla Danza e dalla Fondazione Pietà de' Turchini. È stata inoltre Membro di giuria in Concorsi nazionali ed internazionali pianistici, di danza, musica da camera, di composizione e canto lirico. Nel luglio 2001 è stata Presidente di giuria alla II Edizione Premio Coreografia Italiana organizzato dal CDTM nell’ambito del Salerno Danza Festival a Villa d’Ayala nel Comune di Valva e, nel maggio 2006, alla XIV edizione del Festival internazionale di video danza "Il Coreografo Elettronico". Nel 2005 e nel 2006 è stata nominata Componente della Commissione Artistica dell’Accademia della Canzone-SanremoLab, su designazione dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, partecipando alla selezione dei candidati della Sezione Giovani del Festival di Sanremo sia per l’edizione 2006 che per l’edizione 2007. Fra i riconoscimenti per l’impegno professionale nella promozione dell’arte e della cultura, nel settembre 2007 l’Associazione ex allievi del Conservatorio di Musica San Pietro a Majella di Napoli le ha conferito il Premio “Oltre l’orizzonte” quindi, nel novembre 2008, per la presentazione del volume Il Signore della Musica, prima monografia sul maestro Aladino Di Martino commissionata in occasione del centenario della nascita del musicista molisano, ha ricevuto un’ulteriore targa dall’Associazione ex allievi, dal Conservatorio di Musica San Pietro a Majella e dalla Biblioteca Nazionale di Napoli. Nel luglio 2018 ha ricevuto il Premio Anfiteatro d'Oro per l'Arte della Danza.

Annalisa Romeo

Digital Media Strategist

Vive in Basilicata e contemporaneamente nel web. Consulente di web marketing, lavora ormai da più di quindici anni nell’ambito della promozione del territorio e della comunicazione turistica, enogastronomica e culturale. Titolare di un’agenzia di comunicazione collabora con associazioni di innovazione sociale e culturali per la promozione di eventi (Matera2019, CoopCulture - FestivalMann, CasaNetural, ArtePollino), aziende private nel settore del vino e del food e destinazioni turistiche tra cui Basilicata, Versilia, Corleone e Majella. Partecipa come speaker e social media manager a eventi e seminari sui temi del marketing digitale. Formatrice nel settore del web marketing, è tra gli ideatori, con APT Basilicata e Roberta Milano, dell’evento sul web marketing “BTWIC”. Social Media Editor delle ultime edizioni di BTO – Buy Tourism Online - Firenze.
Iscriviti alla Newsletter