LE “SONATE” DI BACH PER VIOLINO E CLAVICEMBALO

Napoli. Pagine rare di Johann Sebastian Bach costituiscono l’argomento principe del concerto di domenica 15 maggio (ore 19) nel complesso monumentale di Santa Caterina da Siena, programmato per la stagione musicale della Fondazione Pietà de’ Turchini.

Protagonisti della serata sono il violinista russo Boris Begelman (nato a Mosca, classe 1983) e il clavicembalista ed organista Andrea Buccarella (Roma, 1987) che presentano a Napoli le “Sonate per violino e clavicembalo obbligato”.

Il programma, unico nel suo genere, è incentrato sulla figura del compositore e musicista tedesco e sul suo ciclo delle sei sonate “a Cembalo (con)certato e Violino solo”. Universalmente considerato tra i più grandi geni della musica di tutti i tempi, Johann Sebastian Bach le compose durante il soggiorno a Köthen, tra il 1717 ed il 1723, presso la corte del principe Leopoldo di Anhalt-Köthen, dove aveva preso servizio come maestro di cappella. Proprio a questo periodo sono riconducibili molte delle sue composizioni più celebri, tra cui i “Concerti Brandeburghesi” e la “I Parte delle composizioni per Clavicembalo ben Temperato”.

In questi anni, così prolifici per la sua produzione strumentale, Bach elaborò una forma musicale di nuova concezione ovvero “la sonata concertante per strumento a tastiera e strumento melodico”.

Nel concerto di Napoli, i due musicisti, Boris Begelman e Andrea Buccarella, ne proporranno importanti esempi interpretando di questa nuova forma la caratteristica forse più significativa che vede il clavicembalo non più relegato a mero accompagnamento del solista, ma assimilato ad esso con un ruolo di uguale rilievo.

L’incasso della serata sosterrà le attività di Save the Children-Ukraine. Biglietto di posto unico euro 10 (ridotti e convenzioni euro 7). Prenotazione, consigliata, per email a segreteria@turchini.it. Info: www.turchini.it tel. 081402395

 

 

Biografie

 

Boris Begelman si è rapidamente affermato come uno dei più interessanti violinisti della sua generazione. Nato a Mosca nel 1983, si diploma con il massimo dei voti al Conservatorio Tchaikovskij specializzandosi in seguito in violino barocco al Conservatorio Scarlatti di Palermo con lode e menzione d’onore.

In qualità di spalla o di solista ha collaborato con orchestre quali Il Complesso Barocco, Kammer Orchester Basel, I Barocchisti, Cappella Mediterranea, B’Rock Orchestra sotto la direzione, tra gli altri, di Giovanni Antonini, Diego Fasolis, Ottavio Dantone, Riccardo Minasi esibendosi su palcoscenici internazionali quali la Berliner Philarmonie, il Theatre des Champs-Elysees, il Wiener Musikverein, il Theater an-der-Wien, il Barbican Centre e la Wigmore Hall a Londra, il Teatro Liceu di Barcellona, l’Opera Royal de Versailles, il KKL Luzern, la Tonhalle di Zurigo, il Palacio de Bellas Artes di Città del Messico. Dal 2017 è Konzertmeister di Concerto Italiano di Rinaldo Alessandrini. Ha diretto dal violino Accademia Bizantina, Il Pomo d’oro, Accademia Montis Regalis, la Jerusalem Baroque Orchestra e solisti tra cui Vivica Genaux, Max Cencic, Simone Kermes. Nell’aprile 2018 ha debuttato in Canada come direttore ospite di Arion  Baroque Orchestra. Boris ha inciso per Deutsche Grammophone, Decca, Sony Classics, Alpha, Erato-Warner, Deutsche Harmonia Mundi, Virgin Classics, Aparte, Naïve Classics, Pentatone. Nel 2014 fonda l’ensemble Arsenale Sonoro, specializzato nell’esecuzione del repertorio Settecentesco, con cui ha inciso il suo primo disco solistico, una selezione di Sonate di Telemann per violino e basso continuo (2015-Deutsche Harmonia Mundi/SONY) accolto entusiasticamente dalla stampa internazionale.

Per la medesima etichetta esce nel 2017 “Sei solo” con la registrazione integrale delle Sonate e Partite di J. S. Bach, premiato tra i “Discos exceptionales” della rivista spagnola Scherzo. Il suo ultimo album solistico “Le nuove vie”, sei concerti virtuosistici vivaldiani accompagnati da Concerto Italiano e diretti da Rinaldo Alessandrini,  è stato pubblicato nel giugno 2021 da Naïve come parte del prestigioso catalogo Vivaldi Edition. Tra i prossimi impegni si citano i concerti con Arion Baroque Orchestra a Montreal, con Arsenale Sonoro e Francesca Aspromonte per il Valletta Baroque Festival 2022, con l’Orchestra Barocca dei Conservatori Italiani a Dubai oltre a diversi recital a violino solo, tra cui quello per il Südtirol festival di Merano.

Andrea Buccarella, clavicembalista, organista e direttore, è tra i più apprezzati musicisti e specialisti di musica antica della sua generazione. Nasce a Roma nel 1987 e intraprende gli studi musicali come Puer Cantor nel Coro della Cappella Musicale Pontificia Sistina (1997-2000). Dopo aver conseguito il diploma in organo e composizione organistica presso il Conservatorio di Santa Cecilia in Roma, ottiene cum laude il biennio specialistico in clavicembalo e tastiere storiche, sotto la guida di Enrico Baiano. Conclude la sua formazione presso la Schola Cantorum Basiliensis, dove consegue con il massimo dei voti e distinzione due master in clavicembalo e tastiere storiche, sotto la guida di Andrea Marcon.

Nel 2018 vince il Primo premio al Concorso Internazionale di clavicembalo di Bruges e il Premio Outhere. Svolge un’intensa attività concertistica che lo ha portato ad esibirsi in Europa, Stati uniti, Corea e Giappone, sia come solista al clavicembalo, organo e fortepiano, che come direttore. Dal 2011 assume la direzione dell’Abchordis Ensemble, per il quale svolge un’intensa attività di ricerca, tesa alla scoperta di capolavori musicali del passato, inediti ed ineseguiti in tempi moderni. Sotto la sua direzione Abchordis Ensemble ha vinto il Primo premio all’Händel International Competition di Göttingen (2015). Nel Settembre 2019 è stato pubblicato il suo primo disco solistico “Toccata”, per l’etichetta Ricercar (Outhere Music). Il disco ha ricevuto il plauso della critica internazionale ed è stato premiato con 5 stelle su BBC Music Magazine e con il Diapason d’Or Découverte su Diapason Magazine. Tra le prossime registrazione solistiche in uscita figurano i Concerti per due clavicembali e archi BWV 1060-1062 di J.S.Bach, il concerto per 4 clavicembali e archi di J.S.Bach, le Variazioni Goldberg e l’album “Fantasia”, dedicato alle forme musicali per tastiera.

Come direttore ha inciso dischi per SONY Deutsche Harmonia Mundi (Stabat Mater e Dies Irae), Challenge Classics (Cieco Amor) e The Vivaldi Edition (Vivaldi, Cantate per Soprano I). È stato invitato a dirigere diversi ensemble vocali e strumentali, tra cui la Venice Baroque Orchestra, La Cetra Barockorchester Basel, il Pomo d’Oro, Solistenensemble Kaleidoskop, Kore Orchestra e altri. Nel febbraio 2020 ha fatto il suo debutto come direttore al Musikverein Wien con la Venice Baroque Orchestra e Julia Lezhneva. Nel maggio 2022 dirigerà dal clavicembalo i 6 Concerti Brandeburghesi BWV 1046-1051 di J.S.Bach, in un tour italiano con la nuova orchestra europea Frau Musika.

 

Hai bisogno di informazioni?

Contattaci

Reggio Emilia

Padova

Iscriviti alla Newsletter